Infortunio a Rischio biologico

Cos'è l'infortunio a rischio biologico?

Il rischio biologico costituisce di per sé un tipo di rischio intrinseco all’attività sanitaria, al quale l’operatore sanitario, sia esso medico, infermiere, o addetto al laboratorio di analisi, può trovarsi esposto.
Tale rischio è costituito da agenti biologici che possono risultare potenziali portatori delle più varie patologie infettive.

 

Un infortunio biologico si verifica in ogni contatto con sangue o altro materiale biologico, derivato da puntura o ferita con aghi o altri oggetti taglienti, nonché da spruzzi o spandimenti su mucose o cute non integra, secondo le seguenti modalità di esposizione:

- ferita o puntura con ago o tagliente contaminato;

- contaminazione di mucose (congiuntivale, nasale, orale);

- contaminazione di cute lesa (abrasioni, screpolature, dermatiti, ferite aperte, ecc)

 

Procedura da attuare da parte dello studente nel caso di infortunio a rischio biologico (work in progress)