Salute e Sicurezza degli studenti nelle strutture universitarie e in ambiente di tirocinio

Infortunio durante le attività formative e in "itinere"

 

Cosa fare quando accade?

Le coperture assicurative, previste dall’Università di Parma a favore degli studenti, coprono gli infortuni che si verificano durante lo svolgimento delle attività formative previste dall’intero Piano di Studio e gli infortuni che si verificano  in “itinere” (infortunio accorso durante il tragitto di strada che intercorre tra il domicilio del tirocinante e la sede dell’ente/azienda).

Più precisamente, gli studenti, all’interno degli ambienti universitari e in tirocinio presso le Aziende Sanitarie convenzionate, beneficiano di una duplice copertura assicurativa: una stipulata dall’Università di Parma presso una compagnia assicurativa privata e una polizza l’INAIL, gestita dall’Università di Parma per conto dello Stato, che tutela durante l’attività di tirocinio.

Il tirocinante, per poter usufruire dei benefici previsti da entrambe le coperture assicurative, dovrà comunicare immediatamente l’infortunio al Direttore delle Attività Didattiche, o al proprio tutor didattico. Quindi inviare copia della documentazione, ovvero, una relazione dell’accaduto a firma del tirocinante, il certificato medico rilasciato dal medico competente/Pronto Soccorso e il modulo di denuncia del tirocinio dispinibile on line (mod. B26) accedendo al link mod. B26: denuncia di infortunio, agli indirizzi sotto indicati:

 

1. al Servizio Tirocini Formativi 

 

2. alla Dr.ssa Emanuela Fusoni, U.O Approvvigionamenti emanuela.fusoni@unipr.it
 

La comunicazione al Direttore delle Attività Didattiche Professionalizzanti e al Servizio Tirocini Formativi e U.O Approvvigionamenti deve essere tempestiva, ovvero entro 48 ore dall’infortunio.

 

LINEE GUIDA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI NEGLI AMBIENTI UNIVERSITARI, NELLE STRUTTURE SANITARIE DI TIROCINIO E IN “ITINERE

(Atti approvati con DRD n°1823 del 28/08/2017)

Link di riferimento, clicca quì

Infortunio a rischio biologico
 

Cos’è l’infortunio a rischio biologico?

 

ll rischio biologico costituisce di per sé un tipo di rischio intrinseco all’attività sanitaria, al quale l’operatore sanitario addetto all’assistenza, può trovarsi esposto.
Tale rischio è costituito da agenti biologici che possono risultare potenziali portatori delle più varie patologie infettive.

Un infortunio biologico si verifica in ogni contatto con sangue o altro materiale biologico, derivato da puntura o ferita con aghi o altri oggetti taglienti, nonché da spruzzi o spandimenti su mucose o cute non integra, secondo le seguenti modalità di esposizione:

- ferita o puntura con ago o tagliente contaminato;

- contaminazione di mucose (congiuntivale, nasale, orale);

- contaminazione di cute lesa (abrasioni, screpolature, dermatiti, ferite aperte, ecc).

 

Cosa deve fare lo studente in caso di infortunio biologico?

 

I moduli allegati alla procedura, da compilare ad opera dello studente infortunato 

Corso alla sicurezza nei luoghi di lavoro

 

 

Prima di accedere al tirocinio è necessario che ogni studente iscritto al CdL abbia obbligatoriamente completato i 3 moduli del Corso della Sicurezza nei luoghi di lavoro (entro il 31 dicembre).

 

Clicca qui per leggere le informazioni e accedere alla pagina formativa